La prima luce del Solar Dynamics Observatory

447362main_f_211_193_171_946-710[1]Alcuni di voi avranno certamente notato l’aggiunta nel Blog di una nuova pagina che indica i principali dati riguardanti l’attività solare e il flusso di plasma solare che investe il nostro pianeta e che dà luogo a quei spettacoli meravigliosi chiamati aurore polari. Ora voglio mostrarvi una meravigliosa
clip (questa qui sopra) ripresa dal nuovo satellite astrofisico  SDO (Solar Dynamics Observatory) lanciato l’11 febbraio scorso e che dopo le necessarie calibrazioni degli strumenti ha iniziato ad inviare sulla Terra le sue prime immagini che, come quella qui a fianco, promettono una qualità di dettaglio 10 volte maggiore di una tv in alta definizione e raccoglierà dati scientifici migliori e più velocemente degli strumenti messi in orbita finora. L’AIA è l’acronimo di Atmospheric Imaging Assembly ed è stato progettata per fornire una visione senza precedenti della corona solare, prendendo le immagini che si estendono per almeno 1,3 diametri solari in diverse lunghezze d’onda quasi contemporaneamente, ad una risoluzione di circa 1 secondo d’arco e con una cadenza di  circa 10 secondi. L’obiettivo scientifico  del Science AIA Investigation è quello di migliorare la nostra conoscenza della fisica dell’atmosfera solare, per poter poi anche sviluppare un modello predittivo dell’eliosfera negli ambienti planetari. L’AIA produrrà i dati necessari per gli studi dell’evoluzione del campo magnetico coronale e del plasma in esso contenuto, sia nelle fasi di riposo  che durante i brillamenti ed eruzioni.

Certo che simili studi sono estremamente importanti se vogliamo, per ora  purtroppo soltanto ipotizzare, imbarcarci in missioni umane al di fuori dello scudo della nostra magnetosfera, come ad esempio un ritorno stabile sulla Luna o una spedizione con equipaggio verso Marte.

Certo, a vedere questo filmato di una vera eruzione solare, mi aspetterei anche di vedere il vascello Voyager del Capitano Janeway sfrecciarci in mezzo, come qui.

Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

Commenti chiusi