Buon compleanno Hubble

DI196G1[1]
Hubble visto dallo Space Shuttle

Quando nel 2004 la NASA annunciò di chiudere il programma dell’Hubble Space Telescope, l’agenzia ricevette una lettera da una bambina di 9 anni che volle donare la sua paghetta per il pranzo per salvare Hubble. Quella lettera, tra  le innumerevoli altre,questa spiega meglio l’amore e il successo che ha l’osservatorio presso il pubblico, che compie 20 anni questo mese.

Dal suo lancio il 24 aprile 1990, Hubble è più volte risorto dalle sue ceneri per produrre immagini di una nitidezza e di una bellezza ineguagliabili. L’osservatorio ha registrato quasi un milione di immagini e spettri in circa 110.000 viaggi intorno alla Terra. Tra le sue cartoline cosmiche Hubble ha catturato i lividi segni lasciati su Giove da frammenti di una cometa, morenti stelle avvolte in gusci di gas incandescente, esili braccia di galassie a spirale e nebulose risplendenti di luce di stelle appena nate.

jup-sl9-7[1]
Giove in luce ultravioletta mostra
l’impatto della cometa Shoemaker-Levy 9

Non male per un telescopio nato miope per colpa del suo specchio primario imperfetto. Poco dopo gli astronauti risolsero il problema nel corso di una serie di passeggiate spaziali alla fine del 1993, Hubble allora cominciò a vedere come ci si aspettava, come il primo grande telescopio in luce visibile sopra l’atmosfera che distorce le immagini sulla Terra. Il telescopio ha più volte riscritto i libri di astronomia. Forse ancora più drammaticamente, Hubble ha fornito prove chiave che dimostrano l’accelerazione del tasso di espansione cosmica, ha costretto gli scienziati a ipotizzare l’esistenza della materia oscura. Hubble ha anche consegnato convincenti prove  che confermano che l’Universo si è evoluto in un modo previsto dalla teoria del Big Bang. Più vicino a noi, Hubble ha registrato una delle prime immagini di un pianeta al di là del sistema solare.

223974main_wildgalaxies1_20080424_HI[1]Eppure, nonostante tutti i progressi scientifici dovuti ad Hubble, la bellezza delle sue immagini è tra le sue realizzazioni più apprezzate. Le immagini di Hubble sono nei musei, adornano copertine degli album e sono apparse in film importanti. Le sue gallerie di immagini online ricevono circa 200 milioni di visite al mese.
Lo scorso maggio, gli astronauti hanno aggiornato e riparato Hubble aggiungendoci una nuova macchina fotografica a infrarossi con cui sono già state individuate le galassie ritenute le più distanti mai registrate. Perché guardando in profondità nello spazio significa anche vedere oggetti molto indietro nel tempo, le immagini rivelano come erano le prime galassie qualche centinaio di milioni di anni dopo il Big Bang.

Di nuovo, buon compleanno, Hubble… 100 di  questi giorni…
Rate this post

Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

I commenti sono chiusi.

Commenti chiusi