ATTIVITÀ UMANA E EFFETTO SERRA

Questo è un vecchio messaggio scherzoso che pubblicai sulla lista alcoolica del Firenze Linux Users Group il 21 agosto del 2006 (l’originale è a questo indirizzo): l’ho ripescato perché credo che oltre al serio nella vita conti anche il faceto e che pur seguendo una logica scientifica si possa ancora trovare il modo di ridere.
Buona lettura
Il biossido di carbonio è un inquinante chimicamente stabile. Viene in parte assorbito attraverso gli oceani e dalla fotosintesi clorofilliana, che avviene attraverso le piante. Mentre il resto permane in atmosfera anche per decenni.
Il biossido di carbonio è in continuo aumento nell’atmosfera fin dall’inizio dell’era industriale e contribuisce ad aumentare la temperatura media del pianeta determinando il “Global Warming”.
La sua concentrazione è aumentata nell’ atmosfera da 290 ppm (parti per milione) nel 1880 a circa 370 ppm nel 2003 e continuerà ad aumentare nel prossimo futuro, poiché il biossido di carbonio,insieme all’acqua, è il prodotto finale della combustione dei combustibili fossili (carbone, petrolio e derivati, metano), delle foreste e delle biomasse e … dalla flatulenza umana.
Il biossido di carbonio si scioglie facilmente in acqua: gli oceani ne contengono enormi quantità, ma l’ aumento di temperatura (dovuto alGlobal Warming) diminuisce la solubilità del gas in acqua, liberando nuovo gas nell’atmosfera e accelerando di conseguenza tutto il fenomeno (per questo “arieggiare” nella vasca da bagno non  produce seltz!).
Il biossido di carbonio è trasparente alla luce visibile, cioè in pratica la lascia passare quasi inalterata, assorbe invece la radiazione elettromagnetica nel campo dell’infrarosso.
Ora, proprio per questo importante particolare, l’ossido di carbonio contenuto nell’atmosfera cattura una parte della radiazione infrarossa che il suolo invia nello spazio e la riemette in tutte le direzioni; in tal modo rimane sulla Terra altra radiazione infrarossa che provoca un aumento della temperatura media. Questo aumento, lento ma continuo, causato dall”effetto serra sul nostro pianeta, ha conseguenze che, per il momento, non sono neppure ben definibili.
Ci basti in questo contesto segnalare che per es. sul pianeta Venere la temperatura del suolo si aggira intorno ai 400°, essendo la sua atmosfera formata quasi in prevalenza di biossido di carbonio, mentre, al contrario, sul pianeta Marte la temperatura del suolo si mantiene sui -50°, proprio perché quasi privo di atmosfera.
Il metano è un gas serra con un potenziale di riscaldamento globale di 72 (significa che il suo potere di riscaldamento è 72 volte quello dell’anidride carbonica).
Il metano è il risultato della decomposizione di alcune sostanze organiche in assenza di ossigeno. È quindi classificato anche come biogas. Le principali fonti di emissione di metano nell’atmosfera sono:
decomposizione di rifiuti organici
fonti naturali (paludi): 23%
estrazione da carburanti fossili: 20%
processo di digestione degli animali (bestiame): 17%
batteri trovati nelle risaie: 12%
riscaldamento o digestione anaerobica delle biomasse.
L’80% delle emissioni mondiali è di origine umana. Esse derivano principalmente dell’agricoltura e da altre attività umane. Durante gli ultimi 200 anni, la concentrazione di questo gas nell’atmosfera è raddoppiata passando da 0,8 a 1,7 ppm (parti per milione) e anche la popolazione umana ha subito un’aumento di popolazione vertiginoso passando da 1,6 miliardi inizi XX secolo a 6 miliardi XXI secolo.
Allora, veniamo al dunque:
in media si parte da 476 a 1491 ml di gas prodotti al giorno da una singola persona (705 ml di media) con le flatulenze;
la media giornaliera prevede la produzione di idrogeno per 361 ml/24 h (range 42-1016) e di biossido di carbonio di 68 ml/24 h (range 25-116) e da 3 a 120 ml/24 h di metano (il resto è azoto inerte e altri gas per una media di 213 ml/24 h) ora basta una semplice equazione per tradurre il tutto in produzione annuale per tutti gli abitanti del pianeta (6 miliardi e 650 milioni stime ONU per il 2006)
per l’idrogeno (H2)
(0,361 x 365) x 6.650.000.000 = 131,765 x 6.650.000.000 = 876.237.250.000
ovvero 876 e passa di milioni di metri cubici
per il biossido di carbonio (CO2)
(0,068 x 365) x 6.650.000.000 = 24,82 x 6.650.000.000 = 165.053.000.000
ovvero 165 milioni di metri cubici
per il metano (CH4)
(0,050 x 365) x 6.650.000.000 = 18,25 x 6.650.000.000 = 121.362.500.000
ovvero più di 121 milioni di metri cubici
per un totale di oltre 286 milioni di metri cubici di gas pericolosi per l’ambiente e la nostra atmosfera all’anno!

 



SCORREGGIARE MENO È UN DOVERE CHE ABBIAMO RISPETTO AI NOSTRI PRONIPOTI:

 

ABOLIAMO I FAGIOLI!!!

Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

Commenti chiusi