Indizi vitali su Titano

ig272_kees_saturn_titan_02

Un mare di metano su Titano

Studiando gli ultimissimi dati provenienti dalla sonda Cassini sono state scoperte  delle complesse attività chimiche che avvengono sulla superficie di Titano, il più grande satellite di Saturno. Sebbene sia  sempre e comunque bene puntualizzare il caso che anche reazioni chimiche non biologiche possono fornire una spiegazione, secondo alcuni  scienziati queste tracce chimiche sono degli indicatori plausibili di forme di vita basate sul metano in quanto soddisfano due condizioni importanti di un modello proposto dagli astrobiologi .

Questi indicatori sono la scomparsa di molecole di idrogeno atmosferico alla superficie del pianeta e la mancanza di acetilene nella mappa degli idrocarburi di Titano.
Per l’astrobiologo Chris McKay del Ames Research Center della NASA la mancanza di acetilene è importante in quanto essa potrebbe essere la migliore fonte di energia per una forma di vita a base metano, praticamente l’acetilene potrebbe essere il suo alimento, ma anche che l’idrogeno (o meglio la sua mancanza) è un ottimo indicatore perché tutti i meccanismi proposti per estrarre energia chimica dall’acetilene coinvolgono appunto l’idrogeno, l’aria che questa ipotetica forma di vita respira. Mkay aveva già proposto alcune teorie  sulle forme di vita basate sul ciclo del metano nel 2005 [1].

 
Punto triplo del metano
Esso è il punto in cui le condizioni fisiche (temperatura e pressione) consentono la coesistenza delle tre forme liquida, solida e gassosa che per il metano avviene a 90,67 K (-182,48 °C) e 4,6 MPa

Fino ad ora forme di vita a base di metano sono solo ipotetiche, sulla Terra i microbi che prosperano e producono metano sono comunque forme di vita che usano l’acqua come solvente, mentre su Titano le temperature sono di appena 90° K (-183° Celsius) vicine al punto triplo del metano. A quelle temperature l’acqua non può esistere allo stato liquido necessario alle forme di vita come le conosciamo sulla Terra.

Darrel Strobel della Johns Hopkins University di Baltimora, analizzando i dati dello spettrometro a infrarossi di Cassini ha scoperto che I risultati della distribuzione dell’idrogeno atmosferico sono coerenti con le condizioni che potrebbero essere prodotte da una forma di vita a base di metano, ma che questa non può essere  una prova definitiva della sua esistenza. I modelli precedenti avevano previsto che le molecole di idrogeno, un sottoprodotto della luce solare ultravioletta che scinde l’acetilene e il metano nell’atmosfera superiore, dovevano essere distribuiti abbastanza equamente in tutti gli strati atmosferici. Invece in realtà i dati finora raccolti indicano una disparità nella densità di idrogeno che scompare verso la superficie ad una velocità di circa 10.000 trilioni di trilioni di molecole di idrogeno al secondo. Più o meno è circa lo stesso tasso di dispersione dell’atmosfera superiore.
Strobel ha detto che non è probabile che l’idrogeno sia conservato al di sotto della superficie di Titano. La superficie di Titano è così fredda che un processo chimico ha bisogno di  un catalizzatore per convertire le molecole di idrogeno e acetilene in metano, anche se complessivamente ci sarebbe un rilascio netto di energia. La barriera di energia potrebbe essere superata se ci fosse un minerale sconosciuto che agisce da catalizzatore sulla superficie di Titano
La mappatura degli idrocarburi guidato da Roger Clark, uno scienziato dell’US Geological Survey di Denver, è stata fatta esaminando i dati della mappatura visiva e dello spettrometro ad infrarossi della Cassini. Ci si aspettava che le interazioni del Sole con l’atmosfera producessero acetilene che avrebbero rivestito la superficie di Titano, ma Cassini non ha rilevato nessuna traccia di acetilene in superficie. Al contrario, lo spettrometro di Cassini ha rilevato una mancanza di ghiaccio d’acqua sulla superficie di Titano, quanto piuttosto grandi quantità di benzene e di altro materiale, che sembra essere un composto organico che gli scienziati non sono ancora stati in grado di identificare. I risultati portano a dedurre che i composti organici sono mescolati col ghiaccio d’acqua, che costituisce comunque la superficie di Titano, ricoprendolo con una pellicola di idrocarburi che varia da almeno pochi millimetri a qualche centimetro. Il ghiaccio rimane coperto anche dal flusso di etano e metano liquido su tutta la superficie di Titano che forma laghi e mari, come l’acqua fa sulla Terra.
“La chimica dell’atmosfera di Titano produce composti organici così velocemente che la superficie ghiacciata non si ripulisce nonostante che i flussi di metano ed etano liquidi li lavino via continuamente”, ha detto Clark. “Tutto ciò indica che Titano è un ambiente dinamico comandato dalla chimica organica.”
L’assenza di acetilene rilevata sulla superficie di Titano può benissimo avere una spiegazione non biologica, ha dichiarato Mark Allen, ricercatore principale con la squadra della NASA Astrobiology Institute Titan. Esiste la possibilità che sia la luce solare o i raggi cosmici a trasformare l’acetilene in molecole più complesse che cadono a terra senza la firma caratteristica dell’acetilene.
“Il conservatorismo scientifico suggerisce che una spiegazione biologica dovrebbe essere l’ultima scelta, dopo che tutte le spiegazioni non biologiche siano studiate”, ha detto Allen “Abbiamo un sacco di lavoro da fare per escludere tutte le possibili spiegazioni non biologiche. È più probabile che un processo chimico, senza la biologia, sia in grado di spiegare questi risultati – per esempio, reazioni che coinvolgono catalizzatori minerali”. 
Comunque sognare è lecito.

Riferimenti:

  1. " Possibilities for methanogenic life in liquid methane on the surface of Titan ", 2017. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0019103505002009

Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

4 commenti:

  1. sai cosa mi ha detto una volta una ragazza? Sognare nn costa assolutamente niente e tante volte se ci crediamo veramente quei sogni si avverano e ti fanno vedere che se credi veramente in una cosa quella prima o poi si avvera!!!e poi perche nn ci dovrebbe essere nessuna forma di vita in questi pianeti cosi grandi???cioè pianeti con migliaia di km di mari(non solo acqua come noi!!!) o di terre completamente spoglie di batteri virus o che altro…voi ci credete???per me è un po un'idea folle crederci…Possibile che Virus, batteri, forme di vita microscopiche ci siano solo sulla terra???e poi se una sera d'estate alzate gli occhi al cielo quanti puntini luminosi vedete???io almeno ne vedo tanti…e pensare che in nessuno di quei puntini nn c'è nulla io vi dico la sincera verita nn ci ho mai creduto…P.S. Lavoro eccellente…

  2. sai cosa mi ha detto una volta una ragazza? Sognare nn costa assolutamente niente e tante volte se ci crediamo veramente quei sogni si avverano e ti fanno vedere che se credi veramente in una cosa quella prima o poi si avvera!!!e poi perche nn ci dovrebbe essere nessuna forma di vita in questi pianeti cosi grandi???cioè pianeti con migliaia di km di mari(non solo acqua come noi!!!) o di terre completamente spoglie di batteri virus o che altro…voi ci credete???per me è un po un'idea folle crederci…Possibile che Virus, batteri, forme di vita microscopiche ci siano solo sulla terra???e poi se una sera d'estate alzate gli occhi al cielo quanti puntini luminosi vedete???io almeno ne vedo tanti…e pensare che in nessuno di quei puntini nn c'è nulla io vi dico la sincera verita nn ci ho mai creduto…P.S. Lavoro eccellente…

  3. sai cosa mi ha detto una volta una ragazza? Sognare nn costa assolutamente niente e tante volte se ci crediamo veramente quei sogni si avverano e ti fanno vedere che se credi veramente in una cosa quella prima o poi si avvera!!!e poi perche nn ci dovrebbe essere nessuna forma di vita in questi pianeti cosi grandi???cioè pianeti con migliaia di km di mari(non solo acqua come noi!!!) o di terre completamente spoglie di batteri virus o che altro…voi ci credete???per me è un po un'idea folle crederci…Possibile che Virus, batteri, forme di vita microscopiche ci siano solo sulla terra???e poi se una sera d'estate alzate gli occhi al cielo quanti puntini luminosi vedete???io almeno ne vedo tanti…e pensare che in nessuno di quei puntini nn c'è nulla io vi dico la sincera verita nn ci ho mai creduto…P.S. Lavoro eccellente…

  4. sai cosa mi ha detto una volta una ragazza? Sognare nn costa assolutamente niente e tante volte se ci crediamo veramente quei sogni si avverano e ti fanno vedere che se credi veramente in una cosa quella prima o poi si avvera!!!e poi perche nn ci dovrebbe essere nessuna forma di vita in questi pianeti cosi grandi???cioè pianeti con migliaia di km di mari(non solo acqua come noi!!!) o di terre completamente spoglie di batteri virus o che altro…voi ci credete???per me è un po un'idea folle crederci…Possibile che Virus, batteri, forme di vita microscopiche ci siano solo sulla terra???e poi se una sera d'estate alzate gli occhi al cielo quanti puntini luminosi vedete???io almeno ne vedo tanti…e pensare che in nessuno di quei puntini nn c'è nulla io vi dico la sincera verita nn ci ho mai creduto…P.S. Lavoro eccellente…

Commenti chiusi