Le origini del carbonio marziano

Conosciamo ancora poco di Marte, siamo passati dai canali di Schiapparelli alla superficie arida e senza vita disegnata dalla Mariner4 fino agli esperimenti di biologia delle sonde Viking. Fino a che Curiosity con il suo laboratorio semovente non ci dirà esattamente come stanno le cose su Marte non possiamo che campare di congetture e pochi dati, magari rinvenuti su qualche asteroide marziano piovuto sulla Terra.

ALH84001 - Credit: NASA/JSC/Stanford University

Un nuovo studio 1 condotto da Andrew Carnegie Steele cerca di svelare le origini del carbonio marziano ritrovato in alcune meteoriti di origine marziana, come ad esempio la celeberrima ALH84001.

Il team di Steel ha analizzato 11 campioni meteorici marziani che coprono un arco temporale di 4,2 miliardi di anni di storia marziana e ha studiato le inclusioni carboniose presenti trovando che in dieci di essi queste sono idrocarburi 2 Alcuni di questi composti carboniosi erano inglobati da strutture cristalline minerali, il che ovviamente fa escludere qualsiasi ipotesi di contaminazione esterna alla meteorite o successiva all’epoca della creazione della roccia, quindi la loro origine è senza dubbio la stessa del meteorite: marziana.

Studiando la struttura cristallina che racchiudeva queste grandi molecole organiche 3 il team di Steel ha ottenuto importanti informazioni sulla genesi di queste. Le macromolecole di carbonio sono il frutto di semplici processi chimici – come l’alchilazione 4 – riguardanti molecole più piccole presenti nel mantello del pianeta,  ancora saturo di carbonio, idrogeno e ossigeno 5, e portate in superficie da processi vulcanici.

Certo che stando così le cose, ancora di più Marte si presenta come un’importante tappa per lo studio e l’evoluzione dei pianeti rocciosi e sulle possibili ripercussioni sull’eventuale biologia autoctona che questa ha.


Note:

  1. Leggi lo studio del team di Andrew Steel A Reduced Organic Carbon Component in Martian Basalts”.
  2. Gli idrocarburi sono lunghe catene di carbonio e idrogeno che si ritiene siano i mattoni fondamentali della Vita.
  3. Si intende per molecola organica qualsiasi composto del carbonio che abbia il numero di ossidazione inferiore a +4 escluso il monossido di carbonio; per questo il termine organico non deve mai essere confuso con biologico.
  4. L’alchilazione è il trasferimento di un gruppo alchilico da una molecola a un’altra. È una reazione che aiuta alla costruzione dello scheletro carbonioso di una molecola organica. Nell’industria chimica questa reazione viene comunemente usata per la riqualificazione del petrolio e  in medicina per danneggiare il DNA delle cellule cancerogene.
  5. Questo suggerisce che a differenza della Terra, la dinamica tettonica marziana è composta da un’unica immensa placca planetaria, e che da soli i pur sempre maestosi vulcani di Marte sono incapaci di scambiare il carbonio intrappolato nel mantello dalla formazione del pianeta e di inglobare parte del carbonio atmosferico nel mantello come sulla Terra avviene con le zone di subduzione.
Rate this post

Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

Commenti chiusi