la neurobiologia del mondo vegetale

facebooktwittergoogle_plus
Ascolta con webReader

 

Prendetemi pure per pazzo ma io parlo alle piante. Dialogo con loro, manifesto loro tutto  il mio affetto parlandoci, accarezzandone le foglie e abbracciando il loro tronco. Quindi perdonatemi se mi lascerò trasportare dall’argomento.

Anche nel rinascimento si credeva che nella gerarchia delle cose le piante fossero appena poco più sopra al mondo inanimato.

Anche nel rinascimento si credeva che nella gerarchia delle cose le piante fossero appena poco più sopra al mondo inanimato.

Eterotrofi simbionti con autotrofi fotosintetici“. Questa bella definizione di noi umani, che possiamo tranquillamente a tutto il regno animale, è di Carl Sagan, scritta nel suo meraviglioso libro Cosmos.
Ingiustamente, nell’arco della storia umana il mondo vegetale è stato quasi sempre considerato appena al di sopra del regno inanimato. Anche l’espressione medica stato vegetativo indica uno stato quasi irrecuperabile della condizione di vita di un paziente, equiparandolo appunto a un vegetale; appena un gradino sopra all’inanimato.
Questo perché i processi vitali nel mondo vegetale sono estremamente lenti, pressoché impercettibili alla nostra scala temporale. Vediamo un albero spogliarsi e cambiare periodicamente le foglie col mutare delle stagioni, lo sbocciare dei fiori e l’aprirsi e chiudersi di questi durante l’arco della giornata, ma poco altro. la scala temporale del mondo vegetale ci è talmente aliena che a stento le piante sono state  considerate vive nell’arco dei secoli.

Le radici aeree della Palma che cammina, la Socratea exorrhiza, Costa Rica, National Parc La Amistad

Le radici aeree della Palma che cammina, la Socratea exorrhiza, Costa Rica, National Parc La Amistad. Credit: Wikipedia

Certo non mancano neppure le leggende su alberi che camminano, come la celebre Socratea exorrhiza, una palma sudamericana che ha radici aeree che sembrano trampoli. Anche se diverse ipotesi sono state formulate nel corso degli anni sul perché questa palma sia dotata di simili radici, non ci sono prove scientifiche valide che questa cammini 1.

Per molto tempo la botanica si è limitata alla semplice opera di catalogazione delle diverse specie vegetali e poco più. Solo adesso iniziamo a capire che il mondo vegetale è complesso quanto il regno animale. Le prerogative che credevamo esclusive degli animali finalmente le stiamo scoprendo anche nel mondo vegetale, con meccanismi fino a poco tempo fa ignoti o ampiamente sottovalutati.
Ferormoni per la comunicazione, strategie sessuali uniche e curiose, impulsi microelettrici che si propagano lungo tutta la pianta analoghi agli impulsi nervosi animali. Perfino un complesso sistema che svolge funzioni analoghe al sistema nervoso centrale animale è stato individuato dal Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale dell’Università di Firenze guidato dal prof. Stefano Mancuso 2. Anche qui il sistema neurale vegetale mostra strategie evolutive interessanti per certi versi simili gli animali: un reale sistema di reti complesse 3 in grado di discernere i diversi stimoli esterni. Ma mentre negli organismi bilaterali e nei vertebrati il complesso nervoso si è evoluto verso un unico complesso organo, nelle piante è distribuito in poche cellule presenti nell’apice radicale, subito dietro il meristema. Ciò nonostante l’elevato numero di apici radicali presenti in una pianta sana fa presupporre che l’apparato neurale vegetale sia estremamente altrettanto complesso quanto quello animale.

Lascio parlare il prof. Mancuso che saprà essere molto più esauriente di me.

Lo studio di questi sistemi vitali, così vicini eppure così alieni, apre nuove e interessanti prospettive anche nell’esobiologia e nella ricerca di altre forme di vita extraterrestri. Sapremo mai riconoscere le capacità senzienti in altre forme di vita quando e se le incontreremo?


Altri riferimenti:

  1. [tpsingle id="69"]

Note:

  1. Probabilmente la Socratea exorrhiza si è semplicemente adattata a vivere in aree dove ci sono molti detriti come ad esempio tronchi morti oppure in luoghi soggetti a frequenti inondazioni come le aree monsoniche.
  2. Anche Charles Darwin aveva supposto che un sistema simile al sistema nervoso centrale potesse esistere nelle piante situandolo nell’apparato radicale. Il team fiorentino ha confermato che anche questa ipotesi di Darwin era corretta.
  3. Curiosamente la maggior parte delle reti biologiche, sociali e tecnologiche mostrano interessanti similitudini e caratteristiche topologiche non banali, con modelli di connessione tra gli elementi che le compongono che non sono né puramente regolari né puramente casuali. Che siano nodi neuronali in organismi semplici, reti complesse come Internet o le strutture a grande scala dell’Universo, le analogie tra i vari sistemi complessi è impressionante.
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Post correlati:

"

Autori:

Umby

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. La sua grande passione è lo studio del Cosmo, a cui deve gran parte delle sue conoscenze. Conduce il Blog Il Poliedrico dal 2010 e definisce sé stesso "Cercatore".

3 comments to la neurobiologia del mondo vegetale

  • incensesticks.z1m1.com

    Hello, I wish for to subscribe for this web site to obtain most recent
    updates, so where can i do it please assist.

  • SOCIETÀ. – Biologia. – Società vegetali. – Nel mondo vegetale è rarissimo che un solo individuo di qualsiasi specie non tolleri accanto a sé lo sviluppo di nessuna altra pianta. È più frequente il caso che numerosi individui di una stessa specie dominino da soli in un determinato ambiente, senza tollerare la presenza di altri organismi vegetali: questo avviene soprattutto nelle piante che vivono nelle stazioni umide.

Umberto Genovese

Umby

Prossimi eventi

set
30
mar
2014
Tue, 30 Sep 2014 22:51:14 +0000 UTC Asteroid (6) Hebe ->Starchart – ...
Asteroid (6) Hebe ->Starchart – ...
set 30 @ Tue, 30 Sep 2014 22:51:14 +0000 UTC – Tue, 30 Sep 2014 22:52:14 +0000 UTC
Asteroid (6) Hebe ->Starchart - Asteroid with Magnitude= 8.6mag
Asteroid (6) Hebe ->Starchart Accurate time: 10.9pm Asteroid with Magnitude= 8.6mag Best seen from 22.9h – 4.8h (htop=87° at S at 3.5h) RA= 4h08m46.3s Dec= -3°09’21” (J2000) (in constellation Eridani/Eri) Distance to Sun=1.951AU Distance to[...]
ott
1
mer
2014
Wed, 01 Oct 2014 07:03:16 +0000 UTC Moon – Max. Libration (8.506°)
Moon – Max. Libration (8.506°)
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 07:03:16 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 07:04:16 +0000 UTC
Moon - Max. Libration (8.506°)
Moon Accurate time: 7:03.3am Max. Libration (8.506°) More details: http://www.calsky.com/csrender.cgi?object=Planet&number=10&tdt=2456931.79471825&obs=60034083372829 Calculated on 14-Apr-2014 08:21 UTC
Wed, 01 Oct 2014 18:10:06 +0000 UTC Jacques ->Starchart – Comet ‘C/2...
Jacques ->Starchart – Comet ‘C/2...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 18:10:06 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 18:11:06 +0000 UTC
Jacques ->Starchart - Comet 'C/2014 E2'
Jacques ->Starchart Accurate time: 6.2pm Comet ‘C/2014 E2′ Magnitude=11.0mag Best seen from 6.2pm -10.5pm (htop=58° at SSW at 6.2pm) (in constellation Aquila) RA=19h10m44s Dec=+10°50.0′ (J2000), hourly motion: dRA=-16.3″/h dDec=-91.9″/h, Distance to Sun= 1.80AU, Distance to[...]
Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC Asteroid (1) Ceres ->Starchart –...
Asteroid (1) Ceres ->Starchart –...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 18:49:53 +0000 UTC
Asteroid (1) Ceres ->Starchart - Asteroid with Magnitude= 9.0mag
Asteroid (1) Ceres ->Starchart Accurate time: 6.8pm Asteroid with Magnitude= 9.0mag Best seen from 18.8h -19.1h (htop=24° at WSW at 18.8h) RA=15h10m27.2s Dec=-15°07’39” (J2000) (in constellation Libra/Lib) Distance to Sun=2.752AU Distance to Earth=3.426AU hourly motion:[...]
Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC Asteroid (12) Victoria ->Starcha...
Asteroid (12) Victoria ->Starcha...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 18:49:53 +0000 UTC
Asteroid (12) Victoria ->Starchart - Asteroid with Magnitude= 9.5mag
Asteroid (12) Victoria ->Starchart Accurate time: 6.8pm Asteroid with Magnitude= 9.5mag Best seen from 18.8h – 2.4h (htop=84° at N at 21.8h) RA=22h29m11.8s Dec= +5°43’32” (J2000) (in constellation Pegasus/Peg) Distance to Sun=1.941AU Distance to Earth=1.010AU[...]
Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC Asteroid (4) Vesta ->Starchart –...
Asteroid (4) Vesta ->Starchart –...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 18:48:53 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 18:49:53 +0000 UTC
Asteroid (4) Vesta ->Starchart - Asteroid with Magnitude= 7.8mag
Asteroid (4) Vesta ->Starchart Accurate time: 6.8pm Asteroid with Magnitude= 7.8mag Best seen from 18.8h -19.6h (htop=32° at WSW at 18.8h) RA=15h42m56.2s Dec=-17°07’45” (J2000) (in constellation Libra/Lib) Distance to Sun=2.152AU Distance to Earth=2.670AU hourly motion:[...]
Wed, 01 Oct 2014 19:32:34 +0000 UTC Moon – First Quarter (diameter: ...
Moon – First Quarter (diameter: ...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 19:32:34 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 19:33:34 +0000 UTC
Moon - First Quarter (diameter: 31.9334', declination: -17.979°)
Moon Accurate time: 7:32.6pm First Quarter (diameter: 31.9334′, declination: -17.979°) This is the 2nd southernmost first quarter moon of the year. Former more southern first quarter moon was at 2.9.2014. Next more southern first quarter[...]
Wed, 01 Oct 2014 19:40:08 +0000 UTC Meteor Maximum – Daytime Sextant...
Meteor Maximum – Daytime Sextant...
ott 1 @ Wed, 01 Oct 2014 19:40:08 +0000 UTC – Wed, 01 Oct 2014 19:41:08 +0000 UTC
Meteor Maximum - Daytime Sextantids (DSX) ZHR=20.0
Meteor Maximum Accurate time: 8pm Daytime Sextantids (DSX) ZHR=20.0 Velocity=33.1km/s (medium speed) Radiant: RA=10.3h/154° Dec=-1.5° (J2000) (in constellation Sextans/Sex) Solar longitude=188.3° (J2000) Stream active from 26. September to 3. October More details: http://www.calsky.com/csrender.cgi?&number=11&coorEphem=TopoEquAstro2000&tdt=2456932.32032280&obs=60034083372829&ra=10.30000000&de=-1.49999999&fovarcmin=5400.00000000&telrad= Calculated on[...]

View Calendar

Il Poliedrico su Facebook


  • Sandblasting winds shift Mars' landscape
    phys.org
    High winds are a near-daily force on the surface of Mars, carving out a landscape of shifting dunes and posing a challenge to exploration, scientists said Tuesday.

  • Photos du journal
    Possibile sistema planetario in formazione intorno alla stella HD169142 http://bit.ly/1rwKhXM Enormi dischi di polveri e gas circondano le giovani stelle. Alcuni presentano dei vuoti circolari, probabili segni di formazione di un nuovo pianeta: una volta che il processo inizia, un piccolo aggregato di polveri continua a raccogliere materiale intagliando il disco lungo il suo percorso orbitale. Ad oggi, gli astronomi hanno avuto poche possibilità di osservare direttamente esempi nella fase di transizione, tra disco iniziale e il giovane sistema planetario, ma la stella HD169142 sembra che stia offrendo un'opportunità.

  • Photos du journal
    There are things in this Universe that are NOT Determinate, Causal or Retrocausal. It should be noted that this picture is of the probabilistic modeling of Polonium-212 Alpha Half-life. Let's use a different empirical example to quash the notion that the Universe is 100% determinate. Let's say you have some Uranium synthesized during supernova nucleosynthesis that occurred around 5 billion years ago. Even before the laws of quantum mechanics were developed to their present level, the radioactivity of such elements has posed a challenge to determinism due to its unpredictability. One gram of uranium-238, a commonly occurring radioactive substance, contains some 2.5 x 10^21 atoms. Each of these atoms are identical and indistinguishable according to all tests known to modern science. Yet about 12600 times a second, one of the atoms in that gram will decay, giving off an alpha particle. The challenge for determinism is to explain why and when decay occurs, since it does not seem to depend on external stimulus. This can be thought of as "acausal" phenomenon. There is no theory in physics that makes TESTABLE predictions of exactly when any given atom will decay. At best scientists can use probability distributions to extrapolate an element's half life. ~Herr von Bradford

  • Torna a Siena la "Notte dei ricercatori" - Bright 2014 | Università degli Studi di Siena
    www.unisi.it
    Venerdì, 26 Settembre, 2014 - 16:00 Mostre, laboratori e spettacoli animeranno le piazze e le sedi universitarie di Bright 2014 Torna a Siena la "Notte dei ricercatori" - Bright 2014 Il programma completo 26 settembre 2014La Notte dei ricercatori - Bright 2014Dalle 16.00 la ricerca dell’Università…

  • New evidence of ancient multicellular life sets evolutionary timeline back 60 million years
    phys.org
    (Phys.org) —A Virginia Tech geobiologist with collaborators from the Chinese Academy of Sciences have found evidence in the fossil record that complex multicellularity appeared in living things about 600 million years ago – nearly 60 million years before skeletal animals appeared during a huge growt…
Locations of visitors to this page
       
  •           

    Se apprezzi il lavoro svolto in questi anni da Il Poliedrico e ritieni che questo sito meriti il tuo contributo, noi accogliamo con favore il tuo aiuto.